STUDIO

 
 
 
 

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

Il Palazzo Comunale ha sede in

 

 

Il Sindaco

 

 

Il Vice-sindaco

 

 

V I A G G I O   N E L   V A L L O   D I   D I A N O

 

       

 

 

  Padula

    ... La cui nascita risale ai monaci Basiliani ...

 

 

 

 

 

 

 

Cenni Storici

La nascita si fa risalire al IX-X secolo quando la popolazione, cessata la furia demolitrice dei Saraceni, preferì sistemarsi sulla collina meno elevata e più prossima ai collegamenti della via consolare, dove ancora sorge Padula. Le notizie storiche disponibili confermano l'esistenza di Padula dopo l'anno mille, facendo a volte riferimento anche ad un insediamento sui monti come quello di Mandrano. Alla nascita di Padula certamente non furono estranei i monaci Basiliani, come stanno a testimoniare la chiesa di S. Nicola alle Donne ed i ruderi dell'antico Monastero di S. Nicola al Torone. Nel 1296 Tommaso II Sanseverino entrò in possesso di Padula. La sua attenzione fu poi attratta dal sito in cui sorgeva la Grancia di S. Lorenzo dell'Abate di Montevergine. Nel 1305 ottenne, per permuta con l'Abate Guglielmo, tutti i beni della Grancia e li donò ai Certosini di S. Brunone. Con l'atto stipulato il 28 Gennaio 1306 incominciava a sorgere il primo nucleo della Certosa, che nei secoli assunse le grandiose dimensioni che ancora oggi è possibile osservare. Nel periodo risorgimentale, sebbene madre di molti spiriti liberali, ha conosciuto la tragica fine dei trecento seguaci di Carlo Pisacane.

La festa  della Madonna dei Romito (l'ascensione della teca di legno dorato e vetro  la "caggia"  che custodisce la statua avviene nella prima domenica di maggio) nell'ultima domenica di agosto (la discesa). La festa acquista una particolare caratterizzazione dai luoghi che ospita l’immagine sacra ed il bellissimo panorama dell'intero Vallo di Diano che si gode nell’aria purissima ed all'ombra di secolari faggi nel secondo; negli ultimi anni, però, il carattere religioso ha purtroppo lasciato il posto a forme di celebrazione "pagane" piuttosto discutibili.

 


 

Architettura e Arte

La catena montuosa che delimita la piana ad oriente (Monti della Maddalena) è caratterizzata da rilievi che raggiungono delle quote comprese tra i 1200 ed i 1400 m. e sono caratterizzate dalla presenza, tra le quote 800-1000 m s.l.m., di alcuni bacini chiusi (Mandrano, Mandranello, Spigno e Magorno).Diversamente, i Monti della Maddalena (Est del Vallo di Diano) costituiscono una stretta dorsale allungata ben continua e ben delimitata tra la Valle del Tanagro e quella dell’Agri; essi sono bordati ad oriente e nel corpo della dorsale, in finestra tettonica, dalla serie calcareo-silico-marnosa che costituisce il substrato impermeabile dei massicci calcareo-dolomitici.

Lungo la dorsale orientale del Vallo di Diano l’elemento strutturale di maggiore importanza è una grossa faglia che va da Polla a Padula. In questa disgiunzione si realizza il contatto fra la serie calcareo-dolomitica permeabile ed i depositi fluvio-lacustri antichi e recenti. Grazie a questo contatto si deve la venuta a giorno di quasi tutte le manifestazioni sorgentizie, che si possono classificare come “sorgenti per soglia di permeabilità sovrimposta”. Tra queste sorgenti menzioniamo, data la vicinanza all’area oggetto di studio, la sorgente di S. Giovanni in Fonte, la sorgente di S. Giovanni, S. Golfo e Taverna-Conca Grande.

 


 

Beni Ambientali

Fauna
Mammiferi: Lupo, Gatto selvatico, Vespertilio maggiore, rinofolo maggiore, Vespertilio di Blyth.
Uccelli: Avela piccola, Tordo bottaccio, Quaglia, Beccaccia.

Rettili: Cervone, Biacco, Lucertola campestre.

Anfibi: Ululone a ventre giallo, Salamandrina dagli occhiali, Rana agile.

Flora e vegetazione:

Vegetazione costituita da popolamenti di foreste di caducifoglie, e di prateria di alta quota, tra le specie: Ontano napoletano o cordato, Leccio, Roverella, Orniello, Faggio, Castagno, Carrubo, Tasso, Agrifoglio, Salvastrella maggiore, Coda di topo.

 

 

TORNA SU

VOLGI LO SGUARDO AL FUTURO

 

 

 

Torna al Menù Principale

 

 

 

FESTE RELIGIOSE 

 

-  S. Michele Arcangelo

   (fine maggio)

 

-  Festa del Monte Romito

(I dom. di maggio e III dom. di settembre)

 

-  Festa dell’Assunta

   (15 agosto)

 

-  San Brunone

   (dal 2 al 5 ottobre)

 

-  Madonna del Rosario

   (4 ottobre)

 

-  S. Francesco

   (II domenica di ottobre)

 


 

 

Manifestazioni e sagre

 

-   Fiera del Tomusso

    (16 agosto)

 

-  “Luci della ribalta”

    agosto

(rassegna di cinema e teatro)

 

-  “La raccolta del fieno”

    (fine estate)

 

-  Premio Internazionale di  

   Giornalismo

   “Certosa di    Padula”

 

Itinerario gastronomico-

    culturale (agosto)

 

-  "La frittata delle mille uova"  

    (10 agosto)

 

-  Festa della Montagna   

    (luglio)