STUDIO

 
 
 
 

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI

 

Il Palazzo Comunale ha sede in

Piazza Europa, 1

84037 - Sant'Arsenio (SA)

 

 

Il Sindaco

Nicola Pica

 

Il Vice-sindaco

 

 

 

 

V I A G G I O   N E L   V A L L O   D I   D I A N O

 

                    

  

                              

  Sant'Arsenio  

    ... Il nome deriva dal culto per l’omonimo Santo orientale ...

 

 

 

 

 

 

 

Cenni Storici

Il nome deriva dal culto per l’omonimo santo orientale, divenuto conpatrono del paese insieme a Sant’Anna, anche se in epoca angioina risulta con il nome di S. Alfano. Le origini sono molto antiche e risalirebbero ad una fondazione da parte di monaci basiliani intorno al cui cenobio si form˛ il primo nucleo del paese. ╚ verosimile che, intorno al X secolo, fuggiaschi di Diano si siano qui rifugiati per sfuggire ad attacchi ed incursioni di cui erano stati pi¨ volte vittime. L’antico nucleo sviluppatosi intorno al cenobio basiliano rimase fino al 1513 sotto la giurisdizione religiosa degli abati benedettini di Cava dei Tirreni. Successivamente fu infeudata dalle famiglie Guarna, Sanseverino, Stigliano, Grimaldi, Caracciolo, Villano e CalÓ. Tra i personaggi illustri vanno ricordati Carlo Mele, direttore della “Voce del Secolo”, Luigi Gino D’Amato, direttore del “Giornale d’Italia”, gli storici Luigi Giliberti e Mons. Antonimo Sacco, autore della monumentale opera “La Certosa di San Lorenzo”, e l’avvocato Giovanni Florenzano, eletto al Parlamento nazionale nella seconda metÓ del XIX secolo, e autore nel 1874 del libro “Della Emigrazione Italiana in America”, considerato il pi¨ importante saggio sulla emigrazione oltreoceano.

 


 

Architettura e Arte

Il centro storico, dove si susseguono le testimonianze del borgo medievale e dove si trovano le chiese di S. Maria Maggiore, recentemente ricostruita ex-novo dove si trova un magnifico Crocifisso realizzato da Giacomo Colombo, e della SS. Annunziata, che conserva, dello stesso Colombo, “L’Annunciazione” (secolo XVII). Un’interessante escursione Ŕ quella che porta alla Grotta del Secchio e al Santuario dedicato alla Vergine del Carmelo, sul Monte Rascini. Particolarmente suggestivi per l’antico e ben ristrutturato impianto urbanistico si presenta anche il quartiere Serrone, dove trovava rifugio il brigante Giovanni Battista Verricelli, detto “Tittariello”, al ritorno dalle sue scorribande nei paesi vicini.

 


 

Beni Ambientali

 

 

TORNA SU

VOLGI LO SGUARDO AL FUTURO

 

 

 

Torna al Men¨ Principale

 

 

FESTE RELIGIOSE 

 

- Sant’Antonio (13 giugno)

 

- Sant’Arsenio e Sant’Anna   

  (26 luglio)

 

 


 

 

Manifestazioni e sagre

 

Il Brigante Tittariello

(primo fine settimana di agosto)